Gli amanti della cucina esotica e particolare avranno sicuramente gustato nel corso della loro “vita gastronomica” il buonissimo riso di qualità Basmati. Negli ultimi anni poi, con la diffusione in Italia della cucina araba, indiana e mediorientale in genere, il riso basmati ha iniziato a farsi apprezzare da tantissime persone. La cosa più gustosa è proprio l'aroma che viene sprigionato da ogni chicco presente sui vostri piatti.

Origine riso Basmati

Il riso basmati è una varietà di riso particolare, che si identifica per via del chicco allungato e sottile, per la sua maggiore fragranza ed il gusto delicato: il termine basmati significa appunto Regina di fragranza nella lingua Hindi. Il riso basmati viene appunto coltivato principalmente in India e Pakistan, anche se negli ultimi secoli la sua coltivazione si è diffusa in tutto il medio Oriente e anche negli Stati Uniti.

Secondo gli esperti, il miglior riso basmati viene prodotto sulle colline ai piedi dell’Himalaya, anche se è ampiamente diffuso in tutta la zona dell’India, tanto che il governo di questo paese ha lottato più volte contro i tentativi di riprodurre tipologie di riso basmati ibride in altre parti del mondo.

Caratteristiche riso Basmati

Attualmente, il basmati in commercio può essere di due varietà: bianca o integrale. Entrambe le qualità comunque sono rinomate per il loro gusto e per la caratteristica, una volta cotto, di non rimanere appiccicoso. Per questo motivo hanno molto successo in cucina, in quanto garantiscono ricette di riso praticamente perfette. La cottura di questa qualità è abbastanza particolare,

Tempo di cottura per il Riso Basmati

Tempo di cottura per il Riso Basmati

Il tempo di cottura del riso basmati è di circa 20 minuti. Prima di cuocerlo, viene consigliato di lasciarlo a bagno per un’ora, in modo da rendere i chicchi meno fragili in fase di cottura. È comunque opportuno sciacquarlo prima di cuocerlo, per eliminare l’eccessiva quantità di amido presente. La particolare fragranza del riso di questa qualità si evidenzia nei piatti a base di spezie, che esaltano il gusto leggermente speziato del riso stesso.

Molte volte viene servito semplicemente in bianco con un po’ di olio o burro, per accompagnare le portate di verdura o carne, e addirittura di pesce. Ricette tipiche da fare con il riso basmati sono il riso alla cantonese, il riso al curry, il riso da accompagnare a spezzatini e verdure al sugo. Molto interessante è accompagnarlo con delle salse e creme particolari, come ad esempio quelle a base di ceci.

Hummus per accompagnare il basmati

Un piatto che spesso può essere servito per accompagnare la cottura del basmati è una particolare salsa, chiamata hummus. Il nome di questa sorta di purè significa “ceci”, ed infatti questa pietanza non è altro che una crema a base di ceci e spezie che le danno un gusto tutto particolare.
Ecco dunque gli ingredienti per preparare questa ricetta tipica araba

  • 400 gr di ceci (mantenendo anche almeno 50 ml di liquido o brodo)
  • 20 gr di semi di sesamo
  • qualche cucchiaio di succo di limone
  • 2 spicchi d’aglio
  • sale
  • olio di oliva

Iniziamo a preparare la nostra salsa. Andiamo a scolare i ceci dal barattolo, oppure dal brodo in cui li abbiamo preparati, ricordandoci di lasciare da parte almeno 50 ml di liquido. Mettiamo in un frullatore i ceci, il sesamo, gli spicchi di aglio tritati, il limone, un pizzico di sale e l'olio di oliva. Per ultimo aggiungiamo il liquido, iniziando a frullare: aggiustiamo la densità della nostra crema di ceci sfruttando il liquido che abbiamo lasciato da parte.

Dopo aver ottenuto un hummus bello denso (frullando il tutto per qualche minuto), disponiamolo in una ciotola, creando con le dita o con un cucchiaio un foro al centro in cui andare a versare un po' di olio d'oliva per dare al tutto una maggiore viscosità.
L'hummus può accompagnare il kebab, i felafel e altri piatti della cucina araba, oppure può essere gustato da solo sul pane e sulle bruschette.

Ingredienti riso basmati fantasia

  • mezzo chilo di riso basmati
  • tre carote
  • tre zucchine
  • 250 grammi di tonno sott'olio
  • 100 ml di panna da cucina
  • mezza cipolla
  • qualche cappero sotto sale
  • 3 acciughe sott'olio

Tempo di cottura per il Riso Basmati: preparazione della ricetta

Iniziamo a preparare il riso basmati fantasia per circa 4-5 persone: tagliamo in fettine molto sottili la cipolla e lasciamola soffriggere in un tegame con un filo d'olio. Intanto andiamo a tagliare a la julienne le nostre carote e le zucchine; per variare la nostra ricetta di basmati fantasia in futuro, possiamo anche utilizzare altre verdure, come per il cous cous: peperoni, melanzane, ecc. Mettiamo a soffriggere le verdure insieme alla cipolla, in ordine e nei tempi previsti dalla cottura. Questo significa che andremo prima a mettere in pentola le verdure che impiegano più tempo a cuocere.

In un tegame pieno di acqua a parte, mettiamo a lessare il riso basmati per circa una 15ina di minuti. Quando le verdure hanno raggiunto la cottura ottimale, andiamo ad unire il tonno e le acciughe: queste devono arrivare praticamente a sciogliersi nelle verdure. Quando otteniamo quello che volevamo, spegnamo il fuoco e aggiungiamo i capperi insieme alla panna, mescolando per bene le verdure.

A questo punto possiamo scolare anche il riso basmati e servire in tavola mescolandolo alle verdure fantasia oppure lasciare separati in un piatto e unire le verdure desiderate al riso in bianco.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

All you can eat a Roma per la carne (e non solo): ecco perché provare

La formula “all you can eat” è da sempre associata, almeno in Italia, alla cucina giapponese.
Trattandosi però di una formula vincente e che nel tempo ha riscosso sempre più successo, ecco che nasce a Roma un all you can eat di cucina romana che si chiama “Senza Fondo”, dove i migliori piatti della tradizione vengono serviti ad un prezzo fisso e in quantità “infinite”.

Eataly Roma: sveliamo tutti i segreti della qualità Made in Italy

Eataly Roma

Il più grande obiettivo di Eataly è dunque quello di mostrare come la qualità sia a portata di tutti per reperibilità e prezzi accessibili.
Eataly apre il suo primo punto vendita a Torino nel 2007, ma si è ben presto diffuso, motivo per cui oggi vi parleremo di Eataly Roma e delle sue di unicità.